Tumori testa-collo
XVII Congresso Nazionale SIRN
XXIII World Congress of Neurology

Variabili cliniche e biomarcatori nella previsione di danno cognitivo nei pazienti con malattia di Parkinson di recente diagnosi


La malattia di Parkinson è associata a una maggiore incidenza di compromissione cognitiva e demenza.
La previsione di chi è a rischio di declino cognitivo all'inizio del ciclo della malattia ha implicazioni per la prognosi clinica e per la stratificazione dei partecipanti nelle sperimentazioni cliniche.
È stato valutato l'utilizzo di informazioni cliniche e biomarcatori come fattori predittivi per il declino cognitivo nei pazienti con malattia di Parkinson recentemente diagnosticata.

Lo studio PPMI ( Parkinson's Progression Markers Initiative ) è uno studio di coorte che ha riguardato pazienti con malattia di Parkinson recentemente diagnosticata.
Sono state valutate le prestazioni cognitive ( punteggi Montreal Cognitive Assessment, MoCA ), dati demografici e clinici, stato APOE e biomarcatori ( risultati di imaging del liquido cerebrospinale e del trasportatore della dopamina [ DAT ] ).

Utilizzando i cambiamenti nei punteggi MoCA a 2 anni, i punteggi MoCA a 2 anni di follow-up e una diagnosi di compromissione cognitiva ( lieve danno cognitivo combinato o demenza ) a 2 anni come misure di esito, sono stati valutati i valori predittivi delle variabili cliniche di base e aggiunte separate o combinate di stato APOE, imaging DAT e biomarker del liquido cerebrospinale.

Sono stati esaminati 390 pazienti con malattia di Parkinson reclutati tra il 2010 e il 2013 per i quali erano disponibili dati sui punteggi MoCA al basale e a 2 anni.

Nelle analisi multivariate, l'età al basale, i punteggi UPSIT ( University of Pennsylvania Smell Inventory Test ), il rapporto tra amiloide nel liquido cerebrospinale ( Abeta42 ) e t-tau e lo stato di APOE sono stati associati a cambiamento dei punteggi MoCA nel tempo. 
L'età al basale, i punteggi MoCA e UPSIT e il rapporto tra Abeta42 nel liquido cerebrospinale ​​e t-tau erano associati al punteggio MoCA a 2 anni.

L'accuratezza della previsione della compromissione cognitiva utilizzando solo l'età ( area sotto la curva 0.68 ) è significativamente migliorata con l'aggiunta di punteggi clinici ( UPSIT, Rapid Eye Movement Sleep Behaviour Disorder Screening Questionnaire RBDSQ, Geriatric Depression Scale, e punteggi motori Movement Disorder Society Unified Parkinson's Disease Rating Scale; 0.76 ), variabili nel liquido cerebrospinale ( 0.74 ) o risultati di imaging DAT ( 0.76 ).

In combinazione, le 5 variabili che hanno mostrato le associazioni più significative con la disabilità cognitiva ( età, UPSIT, RBDSQ, Abeta42 nel liquido cerebrospinale e uptake nel caudato sull’imaging DAT ) hanno permesso di prevedere il danno cognitivo a 2 anni ( 0.80; P=0.0003 rispetto alla sola età ).

Nella malattia di Parkinson di nuova diagnosi, la compromissione cognitiva a un follow-up di 2 anni può essere prevista con una buona precisione usando un modello che combina informazioni sull'età, valutazioni non-motorie, imaging DAT e biomarker del liquido cerebrospinale. ( Xagena2017 )

Schrag A et al, Lancet Neurology 2017; 16: 66-75

Neuro2017



Indietro