Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

La rosacea costituisce un fattore indipendente di rischio per la malattia di Parkinson


La patogenesi della rosacea non è ben definita, ma la maggiore attività delle metalloproteinasi della matrice sembra giocare un ruolo importante.
La malattia di Parkinson e altre patologie neurodegenerative mostrano anche un aumento dell'attività delle metalloproteinasi della matrice, che contribuisce alla perdita di neuroni.

Uno studio ha indagato il rischio di malattia di Parkinson di nuova insorgenza nei pazienti con rosacea.

E’stato effettuato uno studio di coorte che ha riguardato la popolazione danese; sono stati inclusi tutti i cittadini danesi di età uguale o superiore a 18 anni.

L’endpoint principale era la diagnosi di malattia di Parkinson.

Un totale di 5 404 692 individui sono stati inclusi nella popolazione di riferimento; di questi, 22 387 individui ( 9812 [ 43.8% ] donne, età media al momento della diagnosi, 75.9 anni ) hanno ricevuto una diagnosi di malattia di Parkinson durante il periodo di studio e 68 053 individui ( 45 712 [ 67.2% ] donne; età media, 42.2 anni ) sono stati registrati come soffrire di rosacea.

I tassi di incidenza della malattia di Parkinson per 10 000 anni-persona sono stati pari a 3.54 ( IC 95%, 3.49-3.59 ) nella popolazione di riferimento e 7.62 ( IC 95%, 6.78-8.57 ) nei pazienti con rosacea.

Il rapporto tra tasso di incidenza ( IRR ) aggiustato della malattia di Parkinson è stato 1.71 ( IC 95%, 1.52-1.92 ) nei pazienti con rosacea rispetto alla popolazione di riferimento.

E’stato riscontrato un aumento di 2 volte del rischio di malattia di Parkinson nei pazienti classificati come avere rosacea oculare ( IRR aggiustato, 2.03 [ IC 95%, 1.67-2.48 ] ), e la terapia con tetracicline è apparsa ridurre il rischio di malattia di Parkinson ( IRR aggiustato, 0.98 [ IC 95%, 0.97-0.99 ] ).

In conclusione, la rosacea costituisce un fattore di rischio indipendente per la malattia di Parkinson. Questa associazione potrebbe essere dovuta a meccanismi patogenetici comuni che coinvolgono l’elevata attività delle metalloproteinasi della matrice.
Le conseguenze cliniche di questa associazione richiedono ulteriori studi. ( Xagena2016 )

Egeberg A et al, JAMA Neurol 2016; 73: 529-534

Neuro2016 Dermo2016



Indietro