Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Rivastigmina per la stabilità della deambulazione nei pazienti con malattia di Parkinson


Le cadute sono una complicanza frequente e grave della malattia di Parkinson e sono legate in parte a un deficit colinergico di fondo che contribuisce alla disfunzione della deambulazione e cognitiva in questi pazienti.
La disfunzione dell’andatura può portare ad un aumento della variabilità dell'andatura da una fase all'altra, aumentando la probabilità di cadute.

Nello studio ReSPonD ( Rivastigmine for gait stability in patients with Parkinson's disease ) si è valutato se migliorando questo deficit colinergico con l'inibitore dell'acetilcolinesterasi Rivastigmina ( Exelon ) si possa ridurre la variabilità dell’andatura.

Lo studio in doppio cieco, controllato con placebo, di fase 2, randomizzato, è stato effettuato presso il North Bristol NHS Trust Hospital, Bristol ( Gran Bretagna ), con pazienti affetti da malattia di Parkinson reclutati dalla comunità e dagli ospedali del Regno Unito.

Sono stati inclusi pazienti che erano caduti almeno una volta l'anno prima dell’arruolamento, erano in grado di camminare per 18 metri senza un aiuto, non avevano avuto una precedente esposizione a un inibitore dell'acetilcolinesterasi, e non avevano demenza.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a capsule orali di Rivastigmina oppure placebo due volte al giorno.
La Rivastigmina è stata titolata da 3 mg al giorno alla dose target di 12 mg al giorno per 12 settimane.

L'endpoint primario era la differenza nella variabilità step-time tra i due gruppi a 32 settimane, aggiustando per età al basale, atività cognitiva, variabilità step-time e numero di cadute nel corso dell'anno precedente.

È stata misurata la variabilità step-time con un accelerometro triassiale durante il percorso a piedi di 18 m in tre condizioni: camminata normale, duplice compito semplice con fluidità verbale fonemica ( camminare pronunciando parole che iniziano con una sola lettera ) e duplice compito complesso con fluidità verbale fonemica ( camminare pronunciando parole che iniziano alternando due lettere dell'alfabeto ).

Tra il 2012 e il 2013 sono stati arruolati 130 pazienti e 65 sono stati assegnati in modo casuale al gruppo Rivastigmina e 65 al gruppo placebo.

Alla settimana 32, rispetto ai pazienti assegnati al placebo ( 59 valutati ), quelli assegnati a Rivastigmina ( 55 valutati ) avevano migliorato la variabilità step-time per la normale deambulazione ( rapporto tra medie geometriche 0.72, P=0.002 ) e per il duplice compito semplice ( 0.79; P=0.045 ).

I miglioramenti nella variabilità step-time per il duplice compito complesso non differivano tra i due gruppi ( 0.81, P=0.17 ).

Gli effetti collaterali gastrointestinali sono risultati più comuni nel gruppo Rivastigmina rispetto al gruppo placebo ( P minore di 0.0001 ); 20 pazienti ( 31% ) nel gruppo Rivastigmina rispetto a 3 ( 5% ) nel gruppo placebo hanno avuto nausea e 15 ( 17% ) rispetto a 3 ( 5% ) hanno presentato vomito.

Rivastigmina può migliorare la stabilità della deambulazione e potrebbe ridurre la frequenza della cadute.
È necessario uno studio di fase 3 per confermare questi risultati e mostrare il rapporto costo-efficacia del trattamento con Rivastigmina. ( Xagena2016 )

Henderson EJ et al, Lancet 2016; 15: 249-258

Neuro2016 Farma2016


Indietro