Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Training cognitivo nella malattia di Parkinson


Sono stati quantificati gli effetti del training cognitivo sulle misure di esito cognitivo e comportamentale nei pazienti con malattia di Parkinson.
Sono stati cercati studi randomizzati e controllati in pazienti con malattia di Parkinson e segnalazione di esiti cognitivi o comportamentali.
L'efficacia è stata misurata come differenza media standardizzata ( Hedges g ) del cambiamento post-training.

Sono stati inclusi 7 studi comprendenti 272 pazienti con fasi Hoehn & Yahr 1-3.

L'effetto complessivo del training cognitivo è stato piccolo ma statisticamente significativo ( 7 studi: g=0.23, P=0.037 ).

L’eterogeneità tra gli studi è stata bassa ( I2=0% ) e non vi è stata alcuna evidenza di bias di pubblicazione.

Dimensioni più grandi dell'effetto sono state notate nella memoria di lavoro ( 4 studi: g=0.74, P=0.001 ), velocità di elaborazione ( 4 studi: g=0.31, P=0.04 ), e nella funzione esecutiva ( 5 studi: g=0.30, P=0.042 ), mentre gli effetti sulle misure di attività cognitiva globale ( 4 studi ), memoria ( 5 studi ), abilità visuo-spaziali ( 4 studi ), e depressione ( 5 studi ), come così come attenzione, qualità di vita, e attività strumentali della vita quotidiana ( 3 studi ciascuno ), non sono risultate statisticamente significative.

Non sono stati segnalati eventi avversi.

In conclusione, anche se ancora ridotte, le evidenze hanno indicato che il training cognitivo è sicuro ed efficace in modo modesto sulla funzione cognitiva nei pazienti con malattia di Parkinson, lieve o moderata.
Sono necessari studi di maggiori dimensioni per esaminare l'utilità del training cognitivo per la prevenzione secondaria del declino cognitivo in questa popolazione. ( Xagena2015 )

Leung IHK et al, Neurology 2015; 85: 1843-1851

Neuro2015



Indietro