Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Trauma cranico in giovane età associato a rischio di malattia di Parkinson


La letteratura sugli effetti delle lesioni alla testa sul rischio di malattia di Parkinson non è conclusiva.
Alcuni ricercatori hanno ipotizzato che gli studi che hanno segnalato un effetto hanno semplicemente osservato un danno relativo a malattia di Parkinson pre-clinico.
Tuttavia in modelli animali l’infiammazione del cervello, che può essere avviata da un trauma cranico, ha dimostrato di produrre effetti Parkinson-simili.
Inoltre, studi su animali hanno trovato che l'infiammazione in giovane età, in particolare, è rilevante per la patologia da malattia di Parkinson.

È stato condotto uno studio caso-controllo con 379 pazienti con malattia di Parkinson e 230 controlli dell’area di Boston, Massachusetts ( Stati Uniti ), con dati sulla storia di trauma cranico e altre covariate e sono stati stimati gli odds ratio ( OR ) per la malattia di Parkinson.

Quando sono state escluse le lesioni che si sono verificate meno di 10 anni prima della diagnosi di malattia di Parkinson ( al fine di evitare causalità inversa ), è stato trovato un aumento del rischio di malattia di Parkinson associato a un trauma cranico che ha provocato una perdita di coscienza, ma non ha raggiunto significatività statistica ( OR=1.57 ).

È stato trovato un significativo effetto ( P=0.04 ) dell’età al primo trauma cranico.
Per ogni età di 5 anni più giovane a un primo trauma cranico con perdita di coscienza, l’odds ratio per malattia di Parkinson è stato pari a 1.37.

In conclusione, i risultati hanno indicato che un trauma alla testa nella prima infanzia aumenta il rischio di malattia di Parkinson. ( Xagena2016 )

Taylor KM et al, Parkinsonism Relat Disord 2016; 23: 57-61

Neuro2016



Indietro